Cosmo è una serie di oggetti nata dalla collaborazione di artigiani e designer di provenienza geografica e culturale diversa. Si basa sullo scambio di conoscenze tra artigiani in fuga dal loro paese d’origine e alla ricerca di nuove opportunità in Europa, artigiani regionali radicati nel territorio e inseriti nel network locale, e designer che contribuiscono con le loro competenze e le loro idee alla realizzazione dei prodotti. Cosmo nasce da un’idea di Lupo Burtscher ed è un progetto a lungo termine.

1/4

2/4

3/4

4/4

Il progetto Cosmo nasce dal presente e dalla necessità di riconoscere a chi è in fuga una nuova cittadinanza e un ruolo attivo e più forte nella società. L’interazione tra artigianato e design, tra competenze interculturali e conoscenze condivise, è un arricchimento, favorisce elementi di innovazione nei processi di lavoro, nelle cooperazioni e nei prodotti dando un impulso al cambiamento.

Cosmo non ha un luogo di produzione fisso, ma istituisce sinergie tra luoghi e laboratori diversi per offrire ai rifugiati nuovi accessi al mondo del lavoro. Produce e distribuisce gli oggetti ed è una piattaforma per la condivisione di nuove opportunità, di sapere ed esperienze. Verte sul lavoro fatto insieme nel quale confluiscono storie personali e contesti culturali che concorrono all’affermazione di una nuova coscienza nel dialogo interculturale.

1/8

2/8

3/8

4/8

5/8

6/8

7/8

8/8

Time to relight

L’edizione n°1 Time to relight di Cosmo è stata presentata nel 2015 ad Operae, fiera indipendente di design a Torino. La prima serie è nata in collaborazione con il Centro Piemontese di Studi Africani e con la Chiesa Valdese di Torino.

La prima edizione è una collaborazione tra l’artigiano Bakary Darboe e i designer Lupo Burtscher. La collaborazione è iniziata con la sperimentazione di tecniche di lavorazione del legno congeniali all’artigiano e da uno studio sulle forme e le cromie della tradizione tipiche del Gambia. Gli oggetti della collezione evidenziano la ricerca sulle geometrie superficiali realizzata attraverso tagli netti, attraverso lo scavo con scalpello oppure con pialla manuale. L’edizione n°1 è stata realizzata in collaborazione con la falegnameria Christian Mittendorfer e i tornitori Drechslerei Fritz e Benno Vinatzer.

Anno

2015

Collaborazioni

Bakary Darboe, Christian Mittendorfer, Drechslerei Fritz, Benno Vinatzer

Sito web

meet-cosmo.it

Documentazione fotografica

Ivo Corrà