Famos Design

Sissa, Max e Marta, Betta, Rosetta

Belli, funzionali e semplici nella costruzione: queste le caratteristiche di base per gli oggetti di design che Lupo Burtscher è stato incaricato di sviluppare per un laboratorio di persone con disabilità psichica e fisica della Comunità Comprensoriale Oltradige – Bassa Atesina. Il risultato sono tre oggetti d’uso essenziali per l’ingresso di casa che valorizzano il lavoro degli utenti che li hanno realizzati.

1/6Marta, Betta e Rosetta, Max, Sissa

2/6Sissa

3/6Sissa

4/6Max

5/6Marta, Betta e Rosetta

6/6Betta

L’appendiabiti è costituito da cinque elementi basilari a forma di V che possono essere allungati a piacere. Gli elementi di legno sono infilati in un cordoncino di cuoio, da fissare poi al soffitto. Lo sgabello Max dispone, oltre alla seduta, di quattro ganci per appendere le scarpe. Alcuni magneti nascosti sono l’elemento segreto dei portachiavi in forme organiche di diverse grandezze. Tutti gli oggetti sono in legno di quercia e si montano infilando o incollando. Una ricerca preliminare sulle capacità delle persone che frequentano i laboratori ha determinato quali materiali e tecniche impiegare.

Filtro

Cliente

Comunità Comprensoriale Oltradige-Bassa Atesina

Anno

2010

Produttore

Laboratorio Vill (Comunità Comprensoriale Oltradige-Bassa Atesina)

Documentazione fotografica

Ivo Corrà