Le post é la lerch – Il luogo è lo spazio

Trienala Ladina 2019

La Trienala Ladina è un evento d’arte contemporanea organizzato dal Museum Ladin Ćiastel de Tor di St. Martin a Thurn in Val Badia, dedicato all’approfondimento e alla rivalutazione dell’espressione artistica nel territorio ladino. Nel 2019 esplora il tema Le post é la lerch – Il luogo è lo spazio.

1/6

2/6

3/6

4/6

5/6

6/6

1/5

2/5

3/5

4/5

5/5

Comunicazione visiva

La mostra collettiva “Le post é la lerch” presenta dipinti, fotografie, performance e installazioni sul tema dello “spazio”, realizzate da artiste e artisti ladini che hanno vinto il concorso Trienala Ladina 2019 organizzato dal museo.

Biglietto d’invito, poster, pubblicità, catalogo, bandiere, banner animati e GIF giocano con l’idea di costruzioni dello spazio flessibili basate su superfici sovrapposte. La traduzione grafica crea un’impressione di movimento e una moltitudine di possibili variazioni che si influenzano a vicenda.

1/3

2/3

3/3

Design espositivo

Gli spazi hanno un effetto sui contenuti e viceversa. L’idea che si manifesta nei materiali stampati prosegue nello spazio tridimensionale: le posizioni dei sei artisti, divisi in due stanze più grandi, sono scandite da zone in tonalità di grigio che iniziano sulle pareti e si riversano l’una nell’altra sul pavimento. Questo crea a livello metaforico intersezioni e sovrapposizioni tra le opere e suggerisce un possibile dialogo. Le citazioni degli artisti partecipanti sulle loro opere sono applicate alla parete. Esse fungono da “descrizione” dello spazio in termini di contenuto e forma, e allo stesso tempo sono opere loro stesse.

Il catalogo della mostra presenta la “Trienala Ladina” e il “Concorso Richard Agreiter”. Il nucleo centrale della pubblicazione è costituito da una documentazione fotografica di tutte le posizioni artistiche della triennale e viene abbinata a citazioni, biografie e testi di approfondimento sul lavoro degli artisti. Il catalogo cartonato ha un formato di 19,5 x 30 cm secondo le linee guida del museo e si compone di 100 pagine. L’impaginazione delle pagine interne si basa su due concetti: le informazioni generali sono stampate su carta sottile e di un colore color pesca, mentre le pagine degli artisti sono stampate su una carta patinata più spessa e bianca. Il quadrilinguismo del catalogo – ladino, tedesco, italiano e inglese – è stato risolto con un impaginato a quattro colonne, ciascuna delle quali presenta una lingua. A seconda del contenuto, le colonne sono riempite in modo giocoso, combinando le lingue e in modo che per ogni pagina ci sia qualcosa da vedere, indipendentemente dalla lingua di consultazione.

1/13

2/13

3/13

4/13

5/13

6/13

7/13

8/13

9/13

10/13

11/13

12/13

13/13

Cliente

Museum Ladin Ćiastel de Tor

Anno

2019-2019

Team progetto

Victoria Preuer

Curatori

Günther Moschig

Documentazione fotografica

Studio Kostner

Testo progetto

Margareth Kaserer