Le storie di Botticelli

Tra Boston e Bergamo

L’Accademia Carrara riunisce per la prima volta in un’esposizione le due opere Storia di Virginia e Storia di Lucrezia di Botticelli separate per 150 anni. In occasione della mostra vengono esposte anche altre due opere di Botticelli dell’Accademia di Carrara, il famoso Ritratto di Giuliano de’ Medici e il Vir Dolorum, come punti di riferimento per narrare un capitolo della storia italiana ed europea del XV secolo. Lupo Burtscher ha ideato il design espositivo e gli stampati per la mostra.

1/10

2/10

3/10

4/10

5/10

6/10

7/10

8/10

9/10

10/10

1/4

2/4

3/4

4/4

Il design espositivo

Il progetto è stato reso possibile grazie al prestito della Storia di Lucrezia da parte dell’Isabella Stewart Gardner Museum di Boston. Una linea dorata accompagna i visitatori attraverso la mostra a sottolineare lo stile classico delle opere e l’utilizzo dell’oro nella pittura dell’epoca. Particolare importanza è data ai contenuti e all’approfondimento: ogni opera è descritta nel dettaglio e corredata da documenti scientifici. Una linea del tempo narra vita e opere di Sandro Botticelli integrando gli eventi storici principali dell’epoca. Tra i personaggi storici sono disseminate delle citazioni riferite all’autore riprodotte in grande formato. La cartolina riproduce una scena estrapolata dalla Storia di Lucrezia e collocata su una superficie di colore uniforme.

Cliente

Accademia Carrara di Bergamo

Anno

2018

Team progetto

Davide Giorgetta, Irene Sgarro

Documentazione fotografica

Roberto Giussani (mostra)