Accademia Carrara di Bergamo

La nuova identità visiva che accompagna la riapertura dell’Accademia Carrara nel 2015 (dopo otto anni di restauri) riporta nel presente un museo di oltre duecento anni, che riapre a un pubblico di oggi. Si compone di strumenti contemporanei, virtuali per il web (sito e multimedia) e fisici per dépliant, poster e gadget, di una segnaletica museale interna, e soprattutto di un nuovo marchio. È a partire da un’idea dinamica e vitale di quest’ultimo che si gioca il cambiamento. Per realizzarlo si procede per contrasto.

1/20

2/20

3/20

4/20

5/20

6/20

7/20

8/20

9/20

10/20

11/20

12/20

13/20

14/20

15/20

16/20

17/20

18/20

19/20

20/20

Un marchio, un logotipo, un colore e due caratteri

L’astrazione subentra alla figura. Lo stemma araldico diventa un segno. Quello che era l’emblema distintivo della famiglia dei Carrara si riassume in un’icona semplice e geometrica che non è più un vessillo familiare ma uno spazio comune. Si completa con il pulsante che indica “Bergamo”, nuovo elemento grafico, che garantisce ora l’informazione fondamentale della collocazione, prima mancante.

Nella sua astrazione, il nuovo marchio è una forma piena e vuota, è uno spazio da completare. La sagoma è pensata come un potenziale espressivo da riempire con testi, colori, idee, una forma flessibile da declinare per vari usi, da allungare, estendere o ridurre e moltiplicare.

Il carattere che completa il logotipo attinge alla chiarezza dello slab serif scegliendo di conservare la grazia più calligrafica dell’Amasis combinando con il secondo carattere Atlas Grotesk comprensibilità e fasto, entrambi necessari a un’istituzione e alle molteplici declinazioni che essa offre al suo pubblico con eventi, mostre, attività didattiche e programma collaterale. Lo stesso vale per la scelta del Bright Red come colore ufficiale: un rosso caldo e acceso, autorevole ma accogliente.

Il museo di oggi, quello che riapre, è un luogo vitale, carico di possibilità inattese, un luogo d’incontro tra passato e presente, in cui godere di servizi e prendersi il tempo per stare, un museo contemporaneo appunto, un luogo generativo dove le opere di ieri vivono nell’esperienza di oggi.

Cliente

Accademia Carrara di Bergamo

Anno

2014

Team progetto

Claudia Polizzi

Sviluppo web

Philipp von Hellberg

Sito web

lacarrara.it

Premi

European Design Awards, Silver; Joseph Binder Award, Silver

Testo progetto

Elisa Del Prete