Manifesta 7 Parallel events

Il progetto per i Parallel Events di Manifesta 7 nasce dalla collaborazione di Lupo Burtscher con la designer Luisa Lorenza Corna e comprende lo sviluppo della corporate identity, dei relativi materiali stampati – bandiere, manifesti, cartelle stampa, adesivi e timbri –, di un giornale realizzato per l’occasione e di un catalogo pubblicato dopo la conclusione di Manifesta 7.

1/8

2/8

3/8

4/8

5/8

6/8

7/8

8/8

Manifesta, la Biennale Europea di arte contemporanea, si è svolta nel 2008 in Trentino-Alto Adige. Parallelamente, 108 progetti e associazioni locali attive in ambito artistico hanno organizzato un programma di eventi collaterali. Nel giornale di grande formato, pubblicato in tedesco, italiano e inglese, convergono in modo unitario tutte le diverse iniziative.

Le tre L di ParaLLeL Events sono disposte sulla superficie liberamente, ma alla stessa distanza l’una dall’altra. Esse costituiscono una sigla facilmente riconoscibile che ha la funzione di logo, mentre sui grandi formati vengono usate come pattern.

Attraverso i materiali stampati nel colore segnaletico arancione, i luoghi d’arte partecipanti possono segnalare la loro adesione ai Parallel Events. Dei gadget messi a disposizione del pubblico amplificano la visibilità dell’iniziativa.

1/18

2/18

3/18

4/18

5/18

6/18

7/18

8/18

9/18

10/18

11/18

12/18

13/18

14/18

15/18

16/18

17/18

18/18

Nel catalogo, pubblicato dopo la conclusione di Manifesta 7, le redattrici Angelika Burtscher e Sabine Gamper si sono poste come obiettivo quello di creare una retrospettiva che rimanga a documentazione. Nell’introduzione è contenuto un testo autoriflessivo in cui gli organizzatori della manifestazione discutono degli aspetti duraturi del progetto in una tavola rotonda. In generale il catalogo comunica soprattutto attraverso le immagini che documentano il forte impatto della Biennale sulla scena locale.

Cliente

Provincia autonoma di Bolzano-Alto Adige, Provincia autonoma di Trento

Anno

2008

Collaborazioni

Sabine Gamper, Luisa Lorenza Corna

Documentazione fotografica

Luca Meneghel